Per mediterraneodivers mediterraneodivers

MAR MEDITERRANEO

MAR MEDITERRANEO

Nonostante il mar Mediterraneo sia un mare oligotrofico, quindi piuttosto povero di nutrienti, in esso è presente una grande biodiversità e circa il 28% delle specie presenti sono endemiche di questo mare. Tutto ciò è dovuto principalmente alla presenza di habitat diversificati che favoriscono l’insorgenza di nicchie ecologiche e alle condizioni idrologiche e climatiche proprie di questo bacino. Un’eccezione alla condizione oligotrofica si riscontra nei pressi delle foci dei numerosi grandi fiumi che vi affluiscono, dal Nilo al Rodano, dall’Ebro al Po. I loro delta formano veri e propri ecosistemi diversi sulle coste del Mare nostrum.

Perès e Picard nel 1964 hanno messo a punto un sistema di classificazione dei vari tipi di ecosistemi presenti nel Mediterraneo che ancora oggi è utilizzato dalla maggior parte degli studiosi di questo mare. Questo sistema di classificazione si basa sia su fattori abiotici, come profondità, temperatura, tipi di substrati, ecc., sia sulle interazioni interspecifiche tra gli organismi.

Rispetto agli organismi che vivono negli oceani, quelli che vivono nel Mediterraneo raggiungono dimensioni minori e possiedono un ciclo vitale piuttosto breve.

Nel tratto di mare tra Liguria e Toscana è stata istituita un’area protetta denominata Santuario per i mammiferi marini, ove vivono varie specie di cetacei tra cui la balenottera comune.

tratto da Wikipedia

Leggi di più “MAR MEDITERRANEO”

Per submediterraneo

LAGO DI GARDA

Salo’

Lido delle Tavine

L’ingresso in acqua avviene da una gradevole spiaggia di ghiaietta e con un piccolo pontile in cemento che offre un’ottimo appoggio, a pochi metri dalla riva  si trovano quattro piattaforme: la prima a 5 mt, la seconda a 10 mt la terza a 15 mt e la quarta a 17mt. Da dove parte un percorso che dapprima vi conduce ad una barca a vela alla profondità di circa 26 mt, da questa vi sono due percorsi, uno vi porta al Berardi. Imbarcazione, affondata negli anni ’50, ad una profondità di circa 33 mt. in perfetto assetto di navigazione con la prua rivolta verso il fondo.L’interno è popolato di Bottatrici e Persici. il secondo vi porta a 23mt dove si trova il relitto Alexandra, un bel cabinato, anch’esso in assetto di navigazione, mentre a quote inferiori sono state affondate alcune piccole imbarcazioni,  per un’ulteriore giro percorribile già dalla terza piattaforma che non superano i 18mt per un’immersione più leggera
Il percorso è completamente sagolato, e molto frequentato dai vari gruppi sub

Leggi di più “LAGO DI GARDA”